<< Back
V Convegno Nazionale “ARCHEOLOGIA SUBACQUEA 2.0” Udine, 8-10 settembre 2016
Autore Shark
Martedi - Ottobre 25, 2016 20:51
V Convegno Nazionale “ARCHEOLOGIA SUBACQUEA 2.0” Udine, 8-10 settembre 2016
Il mondo dell’archeologia subacquea italiana si é riunito all’Università di Udine dall’8 al 10 settembre a palazzo Garzolini di Toppo Wassermann, per partecipare al V Convegno Nazionale “ARCHEOLOGIA SUBACQUEA 2.0”, patrocinato della Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia, il Comune di Udine e l’Istituto di Archeologia ed Etnologia Navale e con la disponibilità del Museo Archeologico, Civici Musei di Udine e il Comune di Palazzolo dello Stella.
 
V Convegno Nazionale ARCHEOLOGIA SUBACQUEA 2.0Il 7 settembre, prima dell’avvio ufficiale del convegno, grande accoglienza e visita guidata personalizzata ai partecipanti curata da Paola Visentini, conservatore del Museo Archeologico di Udine. Nelle sale dell’ala est del Castello informazioni e nozioni sulla storia dei reperti qui esposti, frutto del collezionismo tra fine ‘800 e inizi del ‘900 in Friuli; in aggiunta alla serata la visita alla mostra “Mense e banchetti nella Udine rinascimentale”, interessante spaccato di vita quotidiana tra le tavole e i commensali dei banchetti.
 
Nella prima giornata dei lavori, il giovedi’ 8 settembre vari gli interventi sulla situazione del patrimonio sommerso della nostra penisola, i siti già scoperti ed i più recenti ritrovamenti, gli studi e lo stato delle ricerche, la situazione e le prospettive della valorizzazione e conservazione del patrimonio sommerso, il futuro dell’archeologia subacquea.
Venerdi 9 settembre l’avvio ai tavoli di lavoro, la giornata più importante del convegno, per confrontare e cercare di individuare una strategia e delle soluzioni per continuare a parlare di archeologia subacquea. Questi i titoli dei tavoli di lavoro 1) Archeologo subacqueo: chi è oggi costui? (Coordinatore: Luigi Fozzati, Assitente: Salvatore Medaglia); 2) Nozione di paesaggio archeologico sottomarino e delle acque interne: strumenti normativi, tutela e ricerca (Coordinatore: Alessandro Asta, Assistente: Philippe Tisseyre); 3) Comunicare l’archeologia subacquea: la sfida degli addetti ai lavori per una corretta divulgazione (Coordinatore: Salvo Emma, Assistente Michele Stefanile); 4) Valorizzazione in situ: opportunità e limiti nel rendere fruibile il patrimonio archeologico sommerso (Coordinatore: Massimo Secci, Assistente: Giacomo Disantarosa). Da questi tavoli di lavoro, scaturirà un documento unitario che verrà presentato alle autorità per cercare di avviare un normativa e regolarizzazione della figura e competenze, nonché il ruolo dell’archeologo e dell’V Convegno Nazionale ARCHEOLOGIA SUBACQUEA 2.0archeologia subacquea.
Nella sessione pomeridiana, ampio spazio è stato dato ai pannelli della mostra ARCHEOLOGIA SUBACQUEA 2.0, importanti e alla pari con le relazioni e presentazioni, perché andavano a completare la situazione delle ricerche a livello nazionale. Il nostro Centro Ricerche Scuola Sub del Lago di Bolsena, era presente in mostra con il poster dal titolo: L’ARCHEOLOGIA SUBACQUEA NEL LAGO DI BOLSENA - Tutela e Valorizzazione del patrimonio sommerso del comprensorio vulsino, nuovi approcci metodologici nelle nuove ricerche.
Interessante e formativa l’esperienza della visita al fiume Stella, importante per i ritrovamenti ma soprattutto per lo sviluppo dell’Anaxum Project, Archeologia e Storia di un Paesaggio Fluviale, sei anni di ricerca e didattica sui siti dello Stella, direttamente seguito da Massimo Capulli, in perfetta armonia con l’amministrazione del Comune di Palazzolo di Stella.
Il 10 settembre si sono ‘tirate le fila’ dei due giorni del convegno, proponendo continui scambi tra i partecipanti ai tavolo di lavoro, per la costituzione di un documento unico che valga come carta per l’archeologia subacquea.
A chiusura lavori, l’appuntamento al prossimo convegno Archeologia Subacquea 2.0 in Sicilia, direttamente comunicato dal Sovrintendente del Mare della Regione Siciliana, Sebastiano Tusa. Un arrivederci al 2018 e nel frattempo un buon lavoro di confronto e di produttività a tutti gli archeologi e tecnici dell’archeologia subacquea!
Non ci sono commenti pubblicati...
Lascia un tuo commento
* Nome
* Email (non sarà pubblicata)
*
* Inserisci il codice di verifica
Ti preghiamo di digitare la capitale d'Italia qui sotto per dimostrare che non sei uno spambot?
*
* - Campi Richiesti